Campagna Banner che converte: ecco le 3 regole d’oro.

Dunque tutti sappiamo che una campagna display ha una resa ridicola…..si… ci sono molti click, ma il CTR è ridicolo…poi le conversioni non arrivano… tanti click, a costo basso, ma nessun ritorno …. ma….. ma…..ma…

RAGIONIAMO…

Partiamo dal dato di fatto: i click di una campagna display costano molto ma MOOOOOLTOOOO meno di una campagna ricerca, quindi possiamo fare degli esperimenti spendendo meno, o meglio, abbiamo una maggior quantità di click rispetto ad una campagna ricerca dello stesso budget. Usiamo questa possibilità:

Creiamo una campagna display segmentando in 2 o 3 gruppi di annunci:

Argomenti: selezioniamo bene solo argomenti strettamente attinenti al nostro target

Parole: anche qui cerchiamo di essere selettivi

Segmenti in-mark o affinità: possiamo creare noi un segmento usando gli strumenti di google per definire meglio il nostro pubblico. Creiamo e salviamo questo segmento (ad esempio definiamo un segmento prendendo persone che navigano solo i siti della concorrenza)

Analizziamo i risultati e scopriamo che…

Vedendo i posizionamenti automatici generati dai gruppi di annunci (argomenti e parole) attraverso Analytics creo una metrica da Acquisizione > Campagne > Tutte le campagne

Seleziono poi la mia campagna banner e metto come dimensione secondaria l’URL del posizionamento. Questo importante dato ci fornisce una spettacolare panoramica di quali sono le PAGINE ESATTE del sito su cui sono avvenuti i click migliori. Posso quindi scoprire che dentro un sito con AdSense ottento ottimi risultati da una pagina particolare.

Prendo nota di queste pagine performanti…

Creo una campagna per posizionamenti

Infine creo una nuova campagna con 1 solo gruppo per posizionamenti in cui inserisco SOLO gli url (come posizionamenti gestiti) che ho scoperto essere performanti e faccio offerte personalizzate su di essi in modo da migliorare le mie metriche.

Vedrete che le conversioni non tarderanno ad arrivare….

se poi attivo anche un campagna reamrketing che colpisce esattamente questo pubblico… il gioco è fatto!

Lascia un commento

Your email address will not be published. Please enter your name, email and a comment.